Messaggi settimanali
Messaggio settimanale ricevuto, nel Centro Mariano di Aurora, Paysandú, Uruguay, trasmesso dalla Vergine Maria, Rosa della Pace, al veggente Frate Elías del Sagrado Corazón de Jesús

Cari figli:

Che, alla vigilia del Natale del Signore, nascano nei cuori e anche nelle famiglie i valori della fraternità e dell'amore, della solidarietà e della comprensione, affinché si possa realizzare la pace nel mondo.

Perciò, con lo sguardo fisso sul Santo Presepe, riconsacrate la vostra vita di famiglia alla Sacra Famiglia di Nazaret, affinché tutti i valori che oggi si stanno dissolvendo nel mondo riemergano attraverso la coscienza dei miei figli.

Attraverso la contemplazione del Sacro Presepe riceverete oggi la stessa cosa che la Sacra Famiglia ha ricevuto come ispirazione da Dio, perché abbiamo avuto la Grazia di essere parte del grande evento che ha semplicemente cambiato la storia dell'umanità.

Figli miei, vorrei che in questi ultimi giorni della novena per la riconsacrazione delle famiglie collocaste nelle vostre preghiere e nell'essenza del Santo Presepe coloro che nell'umanità di oggi non potranno vivere la Natività del Signore, a causa delle loro situazioni di vita e delle loro condizioni.

Vorrei che la Luce, discesa nell'umile grotta di Betlemme, scendesse sulle famiglie che più ne hanno bisogno in questo momento.

Come sempre, sarò unita a ciascuno dei Miei figli, a tutti coloro che in questo prossimo Natale del Signore celebreranno solennemente la nascita di Gesù, affinché Cristo rinasca nei cuori di tutti i Miei figli, affinché ci possa essere un'umanità più giusta, fraterna e disponibile.

Vi ringrazio per aver risposto alla Mia chiamata!

Vi benedice,

Vostra Madre, la Vergine Maria, Rosa della Pace

Messaggi settimanali
Messaggio settimanale ricevuto, nel Centro Mariano di Aurora, Paysandú, Uruguay, trasmesso dalla Vergine Maria, Rosa della Pace, al veggente Frate Elías del Sagrado Corazón de Jesús

Miei cari figli:

Possiate, in questo mese della Natività del Signore, voi, come i pastori di Betlemme, accogliere con gioia l'annuncio dell'arrivo e della nascita del Cristo Interno.

Questo evento, che si ripete anno dopo anno, deve essere considerato dalle anime speciale ed unico; perché anche alle famiglie è data la possibilità interiore e spirituale di rinnovare i voti come famiglia; e anche ogni membro della famiglia, indipendentemente dall'età, sa che spiritualmente potrà stare davanti al proprio Cristo Interno e, attraverso Lui, più vicino allo Scopo spirituale della sua vita.

Per questo, nel mese di dicembre, il Natale del Signore concede anche l'amnistia per gli errori commessi e concede a sua volta alle anime la Grazia di poter ridimensionare le proprie prospettive interiori, affinché ogni aspirazione sia sotto la protezione di Dio e della La sua volontà.

La nascita di Cristo è più di un semplice evento storico, che viene ricordato da tutti, è un momento in cui il Sacro Spirito di Amore e di Pace di Dio può portare sollievo, accettazione, chiarezza e comprensione in tutte le situazioni della vita.

Questo è il principale motivo spirituale per cui le famiglie del mondo sono chiamate a pregare ai piedi del Santo Presepe, affinché i membri di ciascuna famiglia siano sotto la stessa tutela e protezione di cui fu la Sacra Famiglia di Nazareth.

Rappresenta e significa la possibilità di ricevere le stesse Grazie santificanti che ha ricevuto la Sacra Famiglia; vale a dire: la Grazia della fedeltà al Piano di Dio, la Grazia dell'unità, la Grazia del servizio disinteressato, la Grazia della compassione e la Grazia dell'amore per gli altri.

Queste Grazie hanno operato nei Cuori di Gesù, di Maria e di San Giuseppe, affinché il nostro popolo potesse essere l'esempio della Presenza Divina sulla Terra.

Vi ringrazio per aver risposto alla Mia chiamata!

Vi benedice,

Vostra Madre, la Vergine Maria, Rosa della Pace

Messaggi settimanali
Messaggio settimanale ricevuto a Piriapolis,Maldonado, Uruguay, trasmesso da Maria, rosa della Pace al veggente Frate Elías del Sagrado Corazón de Jesús

Come Madre e Signora della Natività del Signore, preparo i cuori che pregano affinché in questa fine dell'anno l'Amore consolante che vi porta Mio Figlio Gesù possa rinascere con maggiore consapevolezza. Quell'Amore divino che era ed è capace di dare la vita per tutti per generare, anche in questi tempi, la redenzione del genere umano.

È così, figli Miei, che con il Mio rosario fra le mani, ci prepareremo nella preghiera e nella devozione, confidando nella Nascita di Cristo come Luce nel cuore degli uomini e come Protettore spirituale delle famiglie.

Perché ciò avvenga, vengo in questo giorno per dirvi che vi accompagnerò in quell'importante esercizio della speciale novena, per la riconsacrazione delle famiglie, affinché il principio della famiglia universale e i suoi attributi possano essere la luce che guida e conduce le famiglie del mondo; sapendo che questa novena speciale, che si pregherà, collaborerà all'unione e alla comprensione che devono vivere le famiglie che stanno attraversando, in questo momento, divisione e mancanza d'amore.

Possa ogni grano di preghiera che verrà offerta per le famiglie bisognose del mondo che sia una stella che si accenda nel cuore dell'anima  che abbia bisogno di aiuto.

Possa questa novena essere il grande offertorio da porre ai piedi del Creatore per ciascuno dei Miei figli che pregano.

D'ora in poi, sarò molto grata per tutte le offerte sincere che verranno consegnate in ogni preghiera.

Per l'unione delle famiglie, vi ringrazio per aver risposto alla Mia Chiamata.

Vi benedice

Vostra Madre Maria, Rosa della Pace

Messaggi quotidiani
Messaggio quotidiano ricevuto, nel Centro Mariano di Figueira, Minas Gerais, Brasile, trasmesso da Cristo Gesù Glorificato, al veggente Frate Elías del Sagrado Corazón de Jesús

Apri ora il tabernacolo del tuo cuore perché in questa prossima Natività del Signore Io possa entrare e, finalmente, essere parte della tua piccola vita.

Tra Me e te c'è solo un soffio d'Amore, tra le anime e Dio esiste una potente unione divina.

Apri il tabernacolo del tuo cuore perché io possa depositare in te i Miei doni più preziosi e perché quei doni che un giorno diventeranno sacri talenti siano al servizio del Piano di Dio.

Basta aprire il tabernacolo del tuo cuore e tutto sarà fatto e compiuto nella tua vita, secondo la Volontà dell'Altissimo.

Lascia aperto il tuo tabernacolo interiore affinché la tua anima e tutta la tua coscienza vivano l'unione prediletta con Me, attraverso la Comunione Riparatrice con il Mio Corpo e con il Mio Sangue Divino.

Spero di entrare nel tabernacolo del tuo cuore affinché tu possa ricevere l'aiuto immateriale e spirituale di cui hai bisogno.

Lascia  aperto il tabernacolo del tuo cuore, perché voglio che siamo una cosa sola, affinché in perfetta semplicità e amore possiamo essere una cosa sola nel Padre per essere una cosa sola nella Verità e nella Giustizia.

Alla vigilia della rinascita del Re Universale, il vostro tabernacolo interiore possa essere aperto nella vigilanza e nella preghiera affinché lo Spirito del Figlio Supremo sia nei Cristi del Nuovo Tempo.

Vi ringrazio per aver custodito le Mie Parole nel vostro cuore!

Vi benedice,

Vostro Maestro, Cristo Gesù

Messaggi quotidiani
Messaggio quotidiano ricevuto nella città di Florianópolis, Santa Catarina, Brasile, trasmesso da Maria, Rosa della Pace, al veggente Frate Elías del Sagrado Corazón de Jesús

Cari figli:

Usate gli impulsi spirituali e interiori che il Mio Amato Figlio lascerà per ciascuno di voi; e che questi stessi impulsi che saranno unici, vi aiutino in queste nuove date per il Natale ad esercitare e a manifestare profondi atti di riconciliazione, amore e perdono tra voi e i vostri fratelli.

Eseguendo consapevolmente queste azioni, creerete la condizione affinché le porte della Divina Misericordia si aprano anche per i vostri fratelli e per i vostri cari.

Quindi, tutto si realizzerà e non si sentirà quel vuoto interiore e quel senso di abbandono o dimenticanza che le persone vivono durante queste date, che definiscono nuovi stadi per tutti.

Possa lo spirito di riconciliazione, amore, perdono e fede risvegliarsi in questa Natività, in modo che le anime possano essere liberate da ogni sentimento di colpa e sofferenza.

Offrite le vostre preghiere a Dio in modo che lo spirito di unità e di amore possa essere ripreso nelle famiglie più dimenticate del mondo.

In modo semplice, vi porto la possibilità di approfondire gli atti di amore e di pace.

Vi ringrazio per aver risposto alla Mia chiamata!

Vi benedice,

Vostra Madre Maria, Rosa della Pace

Messaggi quotidiani
Messaggio quotidiano ricevuto nel Centro Mariano de Figueira, Minas Gerais, Brasile, trasmesso da Maria, Rosa della Pace al veggente Frate Elías del Sagrado Corazón de Jesús

Cari figli:

In questo nuovo mese che inizia entreremo nella Natività del Signore, un momento importante cosicché i voti con il Cristo interiore di ogni essere siano rinnovati e l'impegno con il Piano d'Amore sia rafforzato.

Perciò, figli Miei, vi chiamo a prestare attenzione a questo dettaglio del vostro rinnovamento, perché, anche se, giorno per giorno, mediante la comunione con Mio Figlio, anche voi vi rinnovate è importante per le vostre anime unirvi al Sacro Natale del Signore, affinché i vostri spiriti possano essere benedetti con gli impulsi dell'amore che il Mio stesso Figlio verserà attraverso queste date in cui l'intera umanità pone la sua attenzione in un altro posto.

Per questa ragione, quando un'anima, attraverso l'intercessione del Figlio Divino, si offre a Dio e rinnova i suoi voti, sorgono altre possibilità per la vita planetaria e, specialmente, sorgono altre opportunità per un'umanità che ha un grande bisogno di amore vero.

In quel rinnovamento interiore, in quella conferma che vi invito a vivere durante la prossima Natività, voi permettete di attirare sulla Terra gli attributi spirituali di cui l'umanità ha bisogno per essere riconfigurata.

Vi ringrazio per aver risposto alla Mia Chiamata!

Vi Benedice,

Vostra Madre Maria, Rosa della Pace

Messaggi quotidiani
MESSAGGIO QUOTIDIANO DI MARIA, ROSA DELLA PACE, TRASMESSO NELLA CITTÀ DI WEED, CALIFORNIA, STATI UNITI D´AMERICA, AL VEGGENTE FRATE ELÍAS DEL SAGRADO CORAZÓN

La Natività di Gesù

A quel tempo nel quale la presenza di Cristo è stata fondamentale per la redenzione della umanità, la Sacra Famiglia, dopo avere passato tre giorni a Belen, per richiesta di Dio si è diretta a Nazareth là dove la Divina Famiglia si preparerebbe per accompagnare i primi ed importanti anni della vita di Gesù.

Nel momento della nascita di Cristo, dopo la visita dei re di Oriente, la Sacra Famiglia è stata cercata per altre coscienze che, come pellegrini di Dio, andavano all'incontro del piccolo bimbo a Nazareth.

Ricordiamo che la profezia sulla nascita del Messia è stato anche confermata dalla sacra Stella di Belen e da tutti gli angeli, che annunciarono la nascita di Cristo nei differenti popoli di tutto Israel.

È stata così tanto importante la venuta del Messia che fino ai più allontanati dalla verità e l'amore, nei sonni, avevano preso coscienza di che una luce infinita era arrivata al pianeta.

La Sacra Famiglia sempre si è mantenuta austera, umile e semplice; questa era la sua missione principale, mostrarsi come veramente ne lo era affinché i principii della Misericordia del Universo, attraverso di Gesù, di Maria e de San Giuseppe, potessero arrivare alla umanità.

Ricordate, cari figli, che più di duemila anni fa l’umanità stava per autodistruggersi e così uscire definitivamente dal Piano del Creatore, perché potrebbe avere entrato in una profonda decadenza.

La nascita di Gesù portò al mondo la possibilità di reintegrare il suo vincolo spirituale e la sua filiazione col Padre, cosa che stava essendo corrotta dalle azioni degli uomini.

Gesù, a Nazareth, ancora essendo un bimbo lavorò nei primi passi interni per la redenzione della umanità e nella costruzione di una nuova coscienza sulla Terra, per mezzo del avvicinamento alla Fonte Divina.

La Grazia di Dio è stata in ogni momento, specialmente a Nazareth, quando la Sacra Famiglia ha vissuto una fase di unione più profonda col Creatore a partire della presenza di Gesù come il piccolo Salvatore.

Gesù essendo un bimbo aveva coscienza sulla urgenza di riscattare l'umanità. Quando il Piccolo Bimbo aveva tre anni di età, abbracciò con amore e semplicità la manifestazione di questo Proposito che il Padre gli collocherebbe ai suoi trentatré anni.

Ancora Gesù essendo un bimbo lavorò insieme agli angeli che gli stavano intorno, nei mondi interni della umanità.

Vediamo un esempio da  questo:

Vi posso dire, cari figli, che ai suoi  tre anni, Gesù offriva già con la Sua piccola coscienza alcuni sacrifici che erano ben visibili a tutti, come quello di non bere l'acqua e quello di non prendere alimenti per alcuni giorni.

Sapevamo, come parte della Sua Famiglia, che il Padre a quel tempo stava compiendo con i Suoi Disegni, perché tutta la vita di Gesù è stata colmata dallo Spirito Santo; era il proprio Dio fatto uomo e coscienza umana che veniva a riscattare la coscienza della umanità.

Gesù essendo un bimbo sviluppava delle azioni spirituali e soprannaturali al momento di prendere contatto con la Fonte del Padre, che con amore e dolcezza spuntava dal Suo piccolo Cuore.

Il Bimbo Gesù concedeva molte Grazie, stati per le coscienze che permettevano riversare la condizione umana e il suo debito davanti alla Legge. Il Piccolo Bimbo lavorava silenziosamente e, nonostante l'essere così piccolo, gli Arcangeli molte volte operavano mediante Lui. Ad esempio, in una fase della vita di Gesù, l’Arcangelo Gabriele concedeva un certo tipo di miracoli alle anime, i quali non solo trasformavano le loro vite, ma che anche liberavano i nodi che esse avevano, per l'atto di avere contatto col piccolo Bimbo Gesù.

La Sacra Famiglia dedicò i primi anni della vita di Gesù a realizzare servizio, e uno dei principali mestieri di San Giuseppe è stato quello che voi conoscete come la carpenteria; in verità, l'umile carpenteria di San Giuseppe era il tempio dei miracoli e delle conversioni.

Il servizio che la Sacra Famiglia offrì fisicamente alla umanità, nei primi anni di vita di Gesù, è stato per ristabilire nella coscienza umana la necessità di servire l'altro, il somigliante, col fine di riattivare lo spirito della carità e della fraternità.

San Giuseppe impegnò se stesso affinché quella semplice carpenteria a Nazareth fosse capace di accogliere le anime sofferenti, per convertire esse in anime piene dal sollievo del Signore.

Mentre che San Giuseppe portava avanti i Suoi lavori alla carpenteria, allo stesso tempo insegnava ai bimbi da Nazareth a costruire qualcosa di evolutiva nelle loro piccole coscienze. Così Gesù in molte occasioni partecipava di quegli incontri, e l’unione e l'amore che si generava tra Gesù e San Giuseppe erano capaci di diventare quella carpenteria in un momento di elevazione e di devozione a Dio, al punto che in un modo inspiegabile i lavori della carpenteria erano finiti miracolosamente dagli angeli.

La Sacra Famiglia attraverso della essenza del servizio, conseguì aiutare a riversare la precarietà spirituale umana con una potente energia d'amore e di carità.

La Santissima Madre dedicava i Suoi spazi di preghiera per intavolare una unione più profonda con Dio e anche per rivivere nel Suo Spirito il sacrificio che Suo Amato Figlio vivrebbe e che, per una rivelazione del Arcangelo Gabriele, Maria già aveva coscienza di quel momento.

Durante i primi dodici anni di Gesù, i santi arcangeli mostrarono alla Santa Madre la preparazione spirituale e cosciente che il Divino Figlio vivrebbe a quel momento.

La Santa Madre da quel momento si è rassegnata come schiava davanti a Suo Padre Eterno, lasciando in completa e umile libertà il giovane Gesù affinché la Sua Missione sia compiuta così come la sacra profezia ne lo indicava.

In tutta la fase primaria della vita di Gesù, la Sacra Famiglia è stata condotta dai santi angeli verso le necessità che dovevano essere supplite nella coscienza della umanità. In quel senso, la Sacra Famiglia apportò alla coscienza umana l'opportunità di essere reintegrata al Progetto del Creatore attraverso il Sacrificio di Cristo.

Sono stati molti i Doni e le Grazie durante la prima fase della vita di Gesù, i quali hanno creato le basi principali per tutto quello che il Piccolo Bimbo vivrebbe nella Sua santa maturità.

Dalla nascita di Gesù, l’umanità ha avuto l'opportunità di legarsi con l'essenza dell'amore, ancora dopo di che Cristo fece la Sua consegna finale sulla Croce.

In questo tempo nei quali i valori della Sacra Famiglia persero l'attenzione del uomo di superficie, i Messaggeri Celestiali vengono al suo incontro, all'incontro di una umanità nuovamente precaria in tutti i sensi affinché, per amore e misericordia, essa svegli dal profondo sonno della illusione e ricordi che deve amare il suo somigliante, che ne deve servirlo ed aiutarlo a guarire la sua coscienza per mezzo degli atti di fraternità e di fratellanza.

La Sacra Famiglia si avvicina alla umanità col fine di riparare la coscienza umana e di ritirarla da tutti gli errori che essa ne commette per mezzo delle guerre, dei conflitti, della indifferenza così come della distruzione e del dominio dei Regni della Natura.

La Sacra Famiglia invita tutti a che in questa Natività il Cristo interiore possa nascere a partire di una comunione col Creatore, così la Terra cambierà la sua polarizzazione verso la Luce che ormai ha perso.

Vi ringrazio per rispondere al Mio chiamato.

Per tutti essi che si sforzeranno per concretare questa ultima parte della peregrinazione, sarò molto gradita.

Vi ama,

La vostra Madre Maria, Rosa della Pace

Chi siamo

Associazione Maria
Fondata nel dicembre 2012, su richiesta della Vergine Maria, l'Associazione Maria, Madre della Divina Concezione è un'associazione religiosa, senza legami con alcuna religione istituita, di carattere filosofico-spirituale, ecumenico, umanitario, caritativo, culturale, che supporta tutte le attività indicate attraverso l'Istruzione trasmessa da Cristo Gesù, la Vergine Maria e San Giuseppe.

Contatto