Messaggi quotidiani
QUARANTESIMO IMPULSO CRISTICO PER LA QUARESIMA, TRASMESSO NEL CENTRO MARIANO DI FIGUEIRA, MINAS GERAIS, BRASILE, AL VEGGENTE FRATE ELÍAS DEL SAGRADO CORAZÓN DE JESÚS

40 giorni con Gesù attraverso il cammino quaresimale

"Saluta il tuo deserto interiore con la certezza di aver trovato l'ultima decisione per la tua vita.

Ora apriti a nuovi orizzonti, così da poter riconoscere le realtà maggiori della Creazione.

Rifletti su ogni passo che hai fatto in questi quaranta giorni, in cui hai imparato a darti conto, da solo, sui diversi stati della tua coscienza.

Abbi Fiducia; perché, al di là di tutto, sei stato chiamato a vivere la stessa esperienza del tuo Maestro; hai avuto la Grazia di comprendere la vita attraverso l'esame di coscienza.

Ora è il momento di servire instancabilmente e di fare del proprio meglio fino alla fine, affinché questo pianeta possa avere la gioia di ottenere la redenzione totale per tutti i suoi peccati.

Cammina, discepolo di Cristo!, ricordando la Voce del Maestro."

Cristo Gesù

Messaggi settimanali
Messaggio settimanale ricevuto, nel Centro Mariano di Aurora, Paysandú, Uruguay, trasmesso da San Giuseppe alla veggente Sorella Lucía de Jesús

Il cammino quaresimale, figli, è un cammino di trasformazione, in cui la coscienza è invitata a percorrere il deserto interiore, nel quale troverà solo la solitudine con sé stessa.

Nel deserto interiore sarete messi alla prova nei vostri aspetti e in quelli del nemico che, con la sua astuzia, cercherà di confondervi fino a farvi perdere la fede e la ferma decisione di dare la vita.

Le grandi chiavi per transitare in questo deserto interiore sono il silenzio, l'umiltà, la pazienza e soprattutto figli, la capacità di essere trasparenti con sé stessi, la capacità di guardare di petto i propri abissi interiori e di avere ancora fiducia nella Mano che vi guida e che vi chiama ad andare oltre la condizione umana.

Il cammino quaresimale è un cammino di sfide in cui le anime vengono purificate e la fede talvolta viene scossa, per poi rafforzarsi attraverso il contatto diretto con il Creatore. Nel cammino quaresimale, l'avversario mostra loro e presenta loro le tentazioni del mondo e le loro apparenti conquiste per far loro sentire che i trionfi nella vita materiale e l'essere una persona "buona" valgono di più che camminare pieni di miseria su un cammino di battaglia eterna e sofferenza.

I vostri aspetti umani e le vostre miserie nella purificazione vi faranno sentire che non siete degni di vivere la Promessa Divina e che la Grazia di Dio non raggiunge le vostre vite affinché possiate continuare a camminare. Ma oggi io dico: andate oltre! Continuate a camminare in questo arido deserto, lasciando che ogni impronta lungo il cammino

Continuate a camminare senza voler vedere i risultati, ma solo fiduciosi che l'Opera dell'Altissimo si sta svolgendo nelle vostre vite al di là di ciò che potete vedere, percepire o sentire. Conoscete le potenzialità della fede che cresce anche nell'oscurità, perché il cammino quaresimale, figli, è un cammino di trasformazione.

Il cammino quaresimale è un cammino di forza, ma non di vedere la forza consolidata, perché si rivelerà solo sulla Croce. La Quaresima è il tempo per costruire dentro di voi questa fortezza che paradossalmente si costruisce quando vi lasciate andare in mille pezzi e vi fate ricostruire da Dio.

La fortezza quaresimale non è fortezza umana, ma piuttosto fortezza divina, che si rivela attraverso la fragilità umana, perché è solo quando gli aspetti umani cederanno il posto agli aspetti superiori di Dio che potrete percepire il proposito di ogni prova e sofferenza.

Nell'Amore estremo e trascendente della Croce si è rivelata la forza della fede quaresimale, e nella potenza della Risurrezione di Cristo, dopo essersi lasciato morire, con una morte che Lo ha fatto spezzare in mille pezzi, espressa nella Sua carne flagellata, xx nel Suo Sangue versato e nella Sua Anima frantumata, fu allora, riemergendo da ciò che sembrava impossibile per riprendere la vita, che la fragilità umana rivelò la Fortezza Divina. Così si fa nel cammino quaresimale.

Camminate dunque e fate ogni passo con cuore umile e disponibile.

Consentite che la trasformazione avvenga, che il vaso si rompa e che il Vasaio Divino lo ricostruisca per rivelare il Suo potenziale creativo attraverso il Suo nuovo vaso.

Avete la mia benedizione per questo.

Vostro padre e amico,

San Giuseppe Castissimo

Messaggi settimanali
Messaggio settimanale ricevuto, nel Centro Mariano di Aurora, Paysandú, Uruguay, trasmesso da San Giuseppe alla veggente Sorella Lucía de Jesús

Il cammino quaresimale, figli, è un cammino di trasformazione, in cui la coscienza è invitata a percorrere il deserto interiore, nel quale troverà solo la solitudine con sé stessa.

Nel deserto interiore sarete messi alla prova nei vostri aspetti e in quelli del nemico che, con la sua astuzia, cercherà di confondervi fino a farvi perdere la fede e la ferma decisione di dare la vita.

Le grandi chiavi per transitare in questo deserto interiore sono il silenzio, l'umiltà, la pazienza e soprattutto figli, la capacità di essere trasparenti con sé stessi, la capacità di guardare di petto i propri abissi interiori e di avere ancora fiducia nella Mano che vi guida e che vi chiama ad andare oltre la condizione umana.

Il cammino quaresimale è un cammino di sfide in cui le anime vengono purificate e la fede talvolta viene scossa, per poi rafforzarsi attraverso il contatto diretto con il Creatore. Nel cammino quaresimale, l'avversario mostra loro e presenta loro le tentazioni del mondo e le loro apparenti conquiste per far loro sentire che i trionfi nella vita materiale e l'essere una persona "buona" valgono di più che camminare pieni di miseria su un cammino di battaglia eterna e sofferenza.

I vostri aspetti umani e le vostre miserie nella purificazione vi faranno sentire che non siete degni di vivere la Promessa Divina e che la Grazia di Dio non raggiunge le vostre vite affinché possiate continuare a camminare. Ma oggi io dico: andate oltre! Continuate a camminare in questo arido deserto, lasciando che ogni impronta lungo il cammino

Continuate a camminare senza voler vedere i risultati, ma solo fiduciosi che l'Opera dell'Altissimo si sta svolgendo nelle vostre vite al di là di ciò che potete vedere, percepire o sentire. Conoscete le potenzialità della fede che cresce anche nell'oscurità, perché il cammino quaresimale, figli, è un cammino di trasformazione.

Il cammino quaresimale è un cammino di forza, ma non di vedere la forza consolidata, perché si rivelerà solo sulla Croce. La Quaresima è il tempo per costruire dentro di voi questa fortezza che paradossalmente si costruisce quando vi lasciate andare in mille pezzi e vi fate ricostruire da Dio.

La fortezza quaresimale non è fortezza umana, ma piuttosto fortezza divina, che si rivela attraverso la fragilità umana, perché è solo quando gli aspetti umani cederanno il posto agli aspetti superiori di Dio che potrete percepire il proposito di ogni prova e sofferenza.

Nell'Amore estremo e trascendente della Croce si è rivelata la forza della fede quaresimale, e nella potenza della Risurrezione di Cristo, dopo essersi lasciato morire, con una morte che Lo ha fatto spezzare in mille pezzi, espressa nella Sua carne flagellata, xx nel Suo Sangue versato e nella Sua Anima frantumata, fu allora, riemergendo da ciò che sembrava impossibile per riprendere la vita, che la fragilità umana rivelò la Fortezza Divina. Così si fa nel cammino quaresimale.

Camminate dunque e fate ogni passo con cuore umile e disponibile.

Consentite che la trasformazione avvenga, che il vaso si rompa e che il Vasaio Divino lo ricostruisca per rivelare il Suo potenziale creativo attraverso il Suo nuovo vaso.

Avete la mia benedizione per questo.

Vostro padre e amico,

San Giuseppe Castissimo

Messaggi settimanali
Messaggio settimanale ricevuto, nel Centro Mariano di Aurora, Paysandú, Uruguay, trasmesso da San Giuseppe alla veggente Sorella Lucía de Jesús

Nei deserti più aridi o negli abissi più profondi, l'Amore di Dio ti incontrerà sempre, figlio. Quando potrai andare oltre l'aridità interiore, la sofferenza e le angosce, i dubbi e le afflizioni, e pregherai tuo Padre che sta nei Cieli, Egli ti ascolterà sempre.

E come un cielo stellato nel deserto o come una luce potente nell'abisso, il Suo Amore si rivelerà al tuo cuore e ti farà sentire che né deserti né abissi limitano la Presenza di Dio nella vita delle Sue Creature, perché l'unione con il Creatore si fa da dentro a fuori, è qualcosa che vivi nel tuo interiore.

E non importano le circostanze della vita, dove e come stai. Se il tuo cuore è disposto ad andare oltre, lì ci sarà il Creatore, guidando i tuoi passi e sostenendo il tuo spirito.

Per questo, non temere e non soffrire per i tempi del caos e dei conflitti sul pianeta e nelle creature. Concentra la tua coscienza sulla potenza della Luce e, davanti alle grida dell'ingannatore, che il tuo silenzio apra le porte ad una realtà superiore.

In molti modi il nemico griderà e cercherà di confondere le coscienze; la sua espressione è l'apparenza, ed il suo inganno giace nella superficialità.

Per questo, la battaglia che devi combattere è in silenzio, collocando il tuo cuore costantemente in Dio e non lasciando che il focus dei tuoi occhi sia sulle apparenze, ma che il focus del tuo cuore sia sulla Verità, e che le grida del nemico risuonino senza forza per le tue orecchie, perché non incontreranno spazio nel tuo cuore.

Che la tua meta sia l'Amore, per quanto nel mondo vedi solo rancore, guerre e caos.

Che la tua meta sia la Luce, per quanto nel mondo vedi confusione ed oscurità.

Che il tuo cuore rimanga nella certezza che lo rafforza, che è il Proposito Divino, che è oltre tutto ciò che è confuso ed apparente. È in questo modo, figlio, che, nonostante tutto ciò che accade sul pianeta, incontrerai la pace e trasmetterai pace al mondo.

Hai la Mia benedizione per questo.

Tuo padre ed amico,

San Giuseppe Castissimo

 

Messaggi settimanali
Messaggio settimanale ricevuto a Fatima, Portogallo, trasmesso dalla Vergine Maria, Rosa della Pace, al veggente Frate Elías del Sagrado Corazón de Jesús

Figlio Mio, anima Mia:

Quando devi fare un passo, nel cammino della tua purificazione, devi sapere che stai facendo un passo verso quanto di sconosciuto hai dentro di te. Però prima, per poter purificare ciò che è sconosciuto, devi deciderti e questa decisione nasce dal tuo interiore.

Devi sapere, figlio Mio, che questo è il tempo in cui avviene quella attesa purificazione. Cristo, essendo il Figlio di Dio, si purificò nel tempio per rispettare umilmente la Legge.

Cristo fu tentato nei 40 giorni nel deserto, nello stesso modo in cui lo sono oggi molti figli Miei, trovandosi nella permanente sfida di persistere fino alla fine.

Il tempo di purificazione deve essere vissuto in una costante rassegnazione di quello che uno crede di se stesso e anche di ciò che uno crede degli altri.  Senza un'atteggiamento di rassegnazione, davanti alla sconosciuta purificazione, non ci sarà umiltà sufficiente che aiuti a placare la superbia o l'arroganza rivestite da nobili persone.

Incoraggiati a vivere questo ciclo della purificazione in un costante esercizio di spogliazione interiore, di spogliazione di tutto quello che consideri buono o non buono. Così, aprirai la porta corretta affinché il Cielo ti aiuti ad attraversare questo deserto che, prima o poi, avrà la sua fine e, dopo averlo percorso, troverai un’oasi prediletta nel Cuore del Redentore.

Ricorda che prima devi accettare il momento, per poi attraversarlo.

Sii coerente alle Mie Parole e tutto andrà bene.

Vi ringrazio per aver risposto alla Mia chiamata!

Vi benedice,

Vostra Madre, la Vergine Maria, Rosa della Pace.

Messaggi quotidiani
Messaggio quotidiano ricevuto, nel Centro Mariano di Figueira, Minas Gerais, Brasile, trasmesso dalla Vergine Maria, Rosa della Pace, al veggente Frate Elías del Sagrado Corazón de Jesús

Figlio:

Per imparare ad uscire dal deserto è molto importante pregare e saper ascoltare, perché nel momento più arido è quando una parola potrebbe salvarti da una situazione.

Mio Figlio visse 40 giorni nel deserto e, come umano, conobbe ciò che la vita terrestre rappresenta, e quanto esigente sia trascendere la condizione umana, però non impossibile.

Quando si è in un deserto manca l'acqua, che è l'essenziale per sopravvivere in quell’esperienza. Quell'acqua è la vita in Cristo che porta la possibilità di poter attraversare il deserto con coraggio e determinazione.

E quando arrivi al momento dell’oscurità nel deserto, è quando hai la possibilità di conoscere la realtà e definirla. In quel momento culminante, Mio Figlio è attento con il Suo Sguardo, perché Egli spera che tu lo possa superare e così animarti a fare un nuovo passo.

L'oscurità del deserto è il momento più doloroso però il più importante, perché è quando tutto l'Universo è nell'attesa che dalle rovine sorga la luce di un nuovo Cristo.

Questo non è affatto poetico, è una verità sentita in ognuna delle cellule, un'esperienza che deve portarti ad andare oltre te stesso, per farti vedere come è possibile andare oltre le tue possibilità per una sola causa, per amore.

Non lasciare mai di chiedere l'arrivo della Luce nel deserto, il momento è ora.

Vi ringrazio per rispondere alla Mia chiamata!

Vi benedice,

Vostra Madre, la Vergine Maria, Rosa della Pace.

Messaggi quotidiani
Messaggio quotidiano ricevuto il 26 maggio 2020, nel Centro Mariano de Figueira, Minas Gerais, Brasile, trasmesso da San Giuseppe alla veggente Suor Lucía de Jesús

Contemplando il mondo e anche gli spazi più interni della sua coscienza, un'anima cercava la pace e non riusciva a trovarla. La confusione dell'umanità, gli squilibri degli uomini, le malattie, la sofferenza, la mancanza di un vero significato per la vita, questo è ciò che questa anima vedeva nel cercare la pace nel mondo e anche dentro di sé.

Chiedendo l'aiuto di Dio, quest'anima pregava il Signore, dicendoGli: "Signore, se è possibile sentire la pace nei tempi di angosce, dammi la pace. Se è possibile sentirTi, proprio nel deserto, fammi sentire. Se è possibile mantenere la fede e credere che dopo questa notte profonda la luce di un nuovo giorno e di una nuova vita verrà, allora concedimi questa fede, perché mi sento persa, sola e vuota, e non trovo altro che angosce e incertezze intorno a me."

E, dopo aver osservato quest'anima con un lungo silenzio, il Signore gli rispose: "Vedi, piccola anima, i tuoi piedi sono spiritualmente su un Monte; questo è il Calvario del mondo. Per attraversarlo, senza perdere la fede e la speranza, o la pace dentro di te, devi porre la tua coscienza nel vero proposito della tua esistenza.

Quindi contempla la Croce e rivivi ogni giorno il Calvario del Signore. Medita su quando ha trovato pace nel Suo Cuore e imita i Suoi passi. Renditi conto che è stato negli occhi di Maria Santissima e nella certezza della Sua silenziosa presenza, durante tutto il cammino con la Croce, che il tuo Signore, Mio Figlio, ha trovato la pace e si è rinnovato per andare avanti. È negli occhi di Maria, Vergine Madre della vita, che il tuo Signore ha trovato la speranza e ha assunto il Proposito di ogni goccia del Suo Sangue versato.

 Il Calvario di questi tempi è disegnato dalle scelte delle anime di tutto il mondo. Come una sola umanità, dovranno passare attraverso questa prova. Ma tu, piccola anima, puoi vivere il Calvario nell'incoscienza dei due ladri o puoi vivere il Calvario rinnovando la Creazione, le leggi e la vita, come Cristo ti ha insegnato a fare.

Se perdete dunque la pace, cercate la pace nei occhi della Vergine Maria. Pregate al Suo Cuore Immacolato e Lei, che è la Sorgente stessa della Pace per tutta la vita, vi risponderà con il silenzio, ma con il Suo profondo Amore, con la Sua pace e il Suo rinnovamento. Questo è il modo per trovare la pace in questi tempi di transizione."

Che questo dialogo, figli, vi insegni a non rimanere nelle angosce del mondo, ma ad imparare a rinnovarvi in Maria Santissima ed a trovare la Sua Pace, nonostante ogni tribolazione nel mondo.

Avete la Mia benedizione per questo.

San Giuseppe Castissimo

Messaggio per la Veglia di Preghiera per la Pace nelle Nazioni del 12 novembre 2019, ricevuto a Cali, Valle del Cauca, Colombia, trasmesso da María, Rosa della Pace, al veggente Frate Elías del Sagrado Corazón de Jesús

Il drago rosso ha già lasciato il suo abisso e con la sua coda arrabbiata colpisce le regioni della Terra per poter trascinare tutte le anime possibili.

Ma il drago muove anche le stelle nel cielo, e le fa cadere nei grandi abissi.

La sua furia e rabbia è perché sa che gli rimane poco tempo.

Ecco perché il drago, che è l'idolo di alcuni rappresentanti delle nazioni della Terra, crede di avere sotto il suo potere tutti i popoli e le nazioni del mondo.

Ora la sua coda striscia come un temuto serpente in tutto il Sud America e risveglia nei suoi alleati ogni forma e sentimento di potere, autorità e oppressione.

Il drago rosso vuole distruggere tutta la rinascita della Nuova Umanità contemporaneamente.  Pertanto, poiché il suo tempo è ridotto, usa tutti i tipi di alleati per soddisfare le sue ambizioni e il suo piacere.

Ma il drago non sa che c'è qualcosa che lo acceca completamente e che lo lascia perso al punto da lasciarlo senza meta, e che è la preghiera di gruppo del cuore, perché è uno strumento così invisibile e sottile che, poco a poco, viene messo alle strette e lo lascia senza azione e senza uscita.

Il drago teme il potente sentimento della preghiera, perché dal nulla cadono i suoi piani sinistri e perversi, che vengono distrutti dagli angeli delle nazioni.

Così, in Sud America fu istituito un campo di battaglia spirituale, perché il drago venne a calpestare queste terre sacre quando la porta fu aperta nel nord di questo continente e questi erano i suoi alleati.

Ora che è in gioco tutto, la Donna vestita di Sole convoca e chiama i Suoi figli in modo che, insieme a Lei, possano correre verso i deserti e rifugiarsi sotto lo spirito sacro dei Recinti. Da lì tutti possono accompagnare la situazione delle nazioni e saranno più protetti.

La Donna vestita di Sole è incinta, ma sta per partorire. Suo figlio ha fretta. Pertanto, la Donna del Sole fugge nel deserto in modo che il nuovo che arriverà non sarà trovato.

Il drago è furioso e distrugge con il suo passaggio tutti i pensieri, i sentimenti e tutti i popoli, e riesce con la sua astuzia a mettere l'uno contro l'altro, fratelli contro fratelli.

Per questo, la Donna vestita di Sole chiama i suoi figli ai deserti in modo che anch'essi fuggano e siano liberi da tutto ciò che accadrà prima dell'arrivo del drago.

Ma sarà sconfitto dal digiuno e dalla preghiera. Ecco perché non dovete dargli nessun tipo di cibo spirituale, mentale o materiale.

Chiudete tutte le porte. accecatelo  con la luce della preghiera e in breve tempo svanirà. Morirà perché non avrà più cibo o ragione, e cioè quando San Michele Arcangelo con tutti i suoi eserciti lo sconfiggerà e lo getterà di nuovo nell'abisso.

E lo sentiranno anche tutti gli alleati del drago rosso. Alcuni perderanno la loro ragione e significato. Altri saranno esiliati perché tutto verrà alla luce, e altri perderanno tutto il potere e la forza di volontà che pensavano di avere nelle loro mani e nei loro cuori freddi.

La Donna lascerà di nuovo il deserto con il Suo nuovo Figlio tra le braccia, e il sole sorgerà come la nuova Aurora e i sette sigilli chiuderanno una storia.

La redenzione dell'America sarà una vittoria.

Vi ringrazio per aver risposto alla Mia chiamata.

Vi Benedice,

Vostra  Madre Maria, Rosa della Pace

Messaggi quotidiani
Messaggio quotidiano ricevuto, nella città di Fátima, Portogallo , trasmesso da Cristo Glorificato, al veggente Frate Elías del Sagrado Corazón de Jesús

Seconda serie di Poesie
Quarta Poesia di un'anima al Sacro e Benedetto Cuore di Gesù

Mio Signore,
che i Raggi del Tuo Cuore
dissolvano in me ogni possibile
cecità spirituale,
affinché io possa avere la gioia
di riconoscere i Tuoi umili passi.

Fammi coraggioso,
proprio come Te, caro Gesù,
in ogni passo della Croce.

Che non abbia paura di caricare
con le mie stesse miserie,
Che io non tema potere trovarTi.

Ma lo so come Sei
gentile e misericordioso, Signore,
Mi concederai la Grazia di trovarTi,
per sentirTi e riconosceTi
nel mio mondo interiore.

Possa Tu essere quella Fiamma Divina
dentro di me
che tutto trasmuta e purifica.

Allontanami, Signore,
delle illusioni della vita,
da tutto quello che è superficiale.

Che non perda mai la sete
di bere dal Tuo Sangue
e mangiare dal Tuo Corpo Divino.

Fammi simile a tutti
I Tuoi umili servitori e martiri
che hanno dato fino all'ultimo
minuto della loro vita
per testimoniare e riconoscerTi.

Che non abbia paura dei deserti
in cui mi metti.
Che non abbia paura dell'aridità
né della mancanza di sensibilità
o di incoraggiamento.

Ti chiedo solo, carissimo Gesù,
che mi rinnovi,
che mi redima,
che Tu faccia in me
secondo la Tua Parola e la Tua Volontà,
perché così conoscerò la libertà
e gioia infinita
di servirTi fino alla fine.

Amen.
 

Vi ringrazio per aver mantenuto le parole di quest'anima nei vostri cuori!

Vi benedice,

Vostro Maestro, Gesù Cristo

Messaggi quotidiani
MESSAGGIO QUOTIDIANO DI MARIA, ROSA DELLA PACE, TRASMESSO NELLA CITTÀ DI MADRID, SPAGNA, AL VEGGENTE FRATE ELÍAS DEL SAGRADO CORAZÓN

Un urgente chiamato alla preghiera per la Pace

Miei molto cari figli del mondo, servi prediletti del Mio Cuore:

Oggi nel nome del Bene Maggiore e della Misericordia di Dio vengo a chiedervi nuovamente che preghiate un mistero del Santo Rosario tutti i giorni durante i prossimi sei mesi, affinché la propagazione infernale di una guerra crudele tra le nazioni di Mezzo Oriente sia evitata. Se questo chiamato non viene risposto come parte della supplica della Vostra Madre Celeste, vedrete con i vostri propri occhi il correre di troppo sangue, disperazione tra i popoli ed altri attentati che affetteranno a più anime innocenti.

Vorrei, figli Miei, che questa convocazione alla preghiera fosse allungata per i cinque continenti e in tutte le lingue possibili, perché so che ancora ci sono delle anime che aspettano ascoltare le Mie parole e riconoscere la Mia voce in codeste.

Figli Miei, il tiranno mobilizza i suoi più di quattromila eserciti di angeli caduti per dominare la coscienza frustata ed innocente dei Miei figli di Mezzo Oriente.

Chiedo che essi che possano, offrano nei prossimi sei mesi il mistero del rosario nella lingua araba ed ebraica, affinché così i poteri della preghiera abbraccino a più cuori ed altri piani di coscienza.

Vi dico, Miei piccoli figli, che l'umanità che ormai è persa, ostenta una conquista del pianeta che non è reale e che è impulsata per i demoni.

Come il Mio avversario sa che Io sto camminando per Europa per evitare che la guerra di tutti contro tutti si spanda su questa parte del emisfero, egli utilizza tutti i suoi armamenti esplosivi e a tutte le anime che sono compromesse con quella realtà e che rimangono condannate all'inferno terrestre, dal quale non riescono uscire.

Cari figli, , è arrivato il momento di che corriate insieme alla Vostra Madre verso il deserto interiore dove ci rifugeremmo, con la preghiera, da tutto male e saremmo salvi.

In questa ora nella quale la battaglia definirà il momento del ritorno di Cristo, Io vi invito ad avere un cuore perseverante, umile e sincero. Se voi, figli Miei, vi amiate gli uni agli altri, andremo desarmando il piano del Mio avversario.

Preghiamo con la fermezza del cuore ed in fiducia di che tutti gli angeli del Cielo vi aiutino in questa battaglia finale dove la Donna Vestita di Sole vincerà al Suo eterno nemico attraverso del potente caudale dell'amore.

Diffondete il Mio chiamato e fatte sapere al mondo che tutto l’Universo è attento a ciò che in egli accade.

Che i cuori ricuperino la loro innocenza e la loro purezza affinché così trionfi il Mio Immacolato Cuore.

Vi ringrazio per accompagnarMi in questa missione di redenzione!

Vi ama e vi capisce,

La Vostra Madre Maria, Rosa della Pace

Messaggi quotidiani
MESSAGGIO QUOTIDIANO DI MARIA, ROSA DELLA PACE, TRASMESSO NEL CENTRO MARIANO DEL BAMBINO RE, AL VEGGENTE FRATE ELÍAS DEL SAGRADO CORAZÓN

Cari figli:

È tempo di consolazione!

La vostra Madre Celeste vi riceve nel Suo Ventre purissimo ed immacolato, affinchè le vostre anime siano la testimonianza viva di una redenzione immediata.

Con le Mie braccia estesi e le Mie mani versando Grazie Infinite per tutti, oggi vi dico: vivete nel tempo della Mia consolazione! Ancora il cammino difficile per trapassare non arrivò; appena adesso il mondo sta fronteggiando il primo tempo della sua purificazione interiore.

Però Io, che Sono la vostra Santissima Madre Co-redentora insieme a Mio Figlio Amato, vi porto per il cammino della speranza e della costante rinnovazione interiore.

Già non è ora, Miei amati, di abbassare le braccia e di desistere del cammino che con Amore e Misericordia vi offrì Mio Figlio. Persistete! Solo Persistete! Già manca poco e il soffrimento finirà, quando nuovamente il vostro Maestro Celestiale scenda al mondo del caos, per liberarlo per seconda volta.

Con uno sguardo di bontà e d’amore vi amparo tutti dentro del Mio ventre verginale, il cui è stato il puro rifugio per la sublime incarnazione del Figlio di Dio.

Fortunati quelli dei figli Miei che sono coraggiosi e perseverano nella fede del cuore. A tutti i Miei bambini vi arriverà l’ora della liberazione e della pace.

In quanto vi purificate, non lasciate di visitare il sorgente del Cuore di Gesù e di bere di questa Fontana rinnovatora e redentora.

Miei cari, l’umanità fronteggia il risultato di una decadenza centenaria, perci non disprezzate le Mie parole di luce, quelle che sono il Verbo Divino pronunciato per il mondo intero.

Vi lascio il dovere di lavorare tutti i giorni con la consolazione del Mio Immacolato Cuore, quella che è essenza d’Amore e di Misericordia nella Vostra Madre Celeste e lo sarà per tutte le anime perdute.

Fronteggiate senza paura i vostri propri deserti; ricordate che Io Sono l’Uccello Vedetta, lo Spirito dell’Amore Universale che mai lascierà di camminare al vostro fianco. Quando soltanto Me lo permettiate, Io vi redimerò sotto il nome santo di Mio Figlio.

Vi ringrazio per rispondere al Mio chiamato!

Vi fortifica sempre,

La Vostra Madre Consolatora, Maria, Rosa della Pace

Chi siamo

Associazione Maria
Fondata nel dicembre 2012, su richiesta della Vergine Maria, l'Associazione Maria, Madre della Divina Concezione è un'associazione religiosa, senza legami con alcuna religione istituita, di carattere filosofico-spirituale, ecumenico, umanitario, caritativo, culturale, che supporta tutte le attività indicate attraverso l'Istruzione trasmessa da Cristo Gesù, la Vergine Maria e San Giuseppe.

Contatto